Come redigere un POS

Come redigere un POS

Il POS è il documento in cui sono contenute tutte le misure di prevenzione e protezione da adottare nelle attività di cantiere al fine di salvaguardare la salute e l’incolumità fisica dei lavoratori.
Il Testo Unico per la Sicurezza (D.Lgs. 81/2008) prevede l’obbligo del datore di lavoro di un’impresa esecutrice di redigere il POS (Piano Operativo di Sicurezza) con i contenuti minimi previsti all’Allegato XV e l’onere per il coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione di verificare l’idoneità di questo documento.
In allegato all’articolo proponiamo uno schema di POS, elaborato dal Comitato Paritetico Territoriale per la sicurezza sul lavoro (CPT) di Firenze.

 

Il documento rappresenta uno strumento versatile a disposizione di tutti gli operatori del settore (imprese, committenti e coordinatori) improntato alla praticità, all’efficacia e alla concretezza.
In esso vengono schematizzate sinteticamente tutte le informazioni e le misure di sicurezza da inserire nel POS.

ll modello contiene le seguenti sezioni:

  • anagrafica dell’impresa (soggetti interessati, interventi formativi ed informativi)
  • dati relativi al cantiere e ai lavori da eseguire
  • soggetti di riferimento per la sicurezza
  • indicazione delle lavorazioni affidate in subappalto
  • elenco delle lavorazioni
  • elenco dei ponteggi, dei ponti su ruote o altre opere provvisionali, delle macchine o attrezzature che si utilizzeranno in cantiere
  • elenco dei DPI (Dispositivi di protezione individuale) forniti ai lavoratori
  • caratteristiche dell’impianto elettrico
  • elenco delle sostanze e prodotti pericolosi che saranno utilizzati
  • scheda tipo della fase di lavorazione (descrizione, individuazione dei rischi, modalità di gestione della fase lavorativa e misure di prevenzione, D.P.I. necessari)